Libor: scandalo non è finito, autorità NY contattano sette banche

16 Agosto 2012, di Redazione Wall Street Italia
Il contenuto di questo articolo – pubblicato da La Repubblica – che ringraziamo – esprime il pensiero dell’ autore e non necessariamente rappresenta la linea editoriale di Wall Street Italia, che rimane autonoma e indipendente.

Roma – Sette banche sono state chiamate a comparire negli Stati Uniti nell’ambito delle indagini legate alla presunta manipolazione del Libor, uno dei tassi di riferimento per i mercati finanziari. Il procuratore generale di New York, Eric Scnheiderman, ha inviato un mandato a comparire alla Deutsche Bank, alla Royal Bank of Scotland Group, a Hsbc, a Jp Morgan Chase & Co, a Barclays Plc, a Citigroup e Ubs.

Il procuratore ha chiesto alle banche di fornire documenti e comunicazioni interne per capire come e se gli istituti di credito si siano messi d’accordo per alterare il valore dei tassi e danneggiare sia gli investitori che gli emittenti.L’indagine fa parte di un più ampio gruppo di inchieste condotte tra Regno Unito, Canada, Giappone e Stati Uniti, ma il procuratore generale ha dalla sua parte alcuni armi in più come il Martin Act, una legge che gli consente di indagare chiunque abbia fatto business a New York senza dover prima di dimostrare che abbia voluto commettere un reato.

Copyright © La Repubblica. All rights reserved