Lettera con veleno a Obama: nesso con bombe Boston?

17 Aprile 2013, di Redazione Wall Street Italia

NEW YORK (WSI) – Una lettera contaminata con ricina, veleno potenzialmente letale, è stata inviata al presidente degli Stati Uniti Barack Obama. Probabilmente per punirlo per la sua posizione sul controllo delle armi. Ormai non sono solo congetture e gli indizi incominciano ad accavallarsi l’uno sull’altro.

E’ stata inviata anche una seconda lettera al Senato: entrambe positive alla ricina. L’FBI le sta esaminando mentre parte dell’edificio a Capitol Hill e’ stato evacuato. Nei giorni scorsi lo stesso metodo era stato utilizzato per minacciare il Senatore Wicker, uno dei 16 Repubblicani favorevole a una legge per imporre una regolazione piu’ rigida per il controllo delle armi. Lo ha reso noto l’emittente Cnn.

Non e’ un caso che proprio ieri sia iniziato al Senato degli Stati Uniti il dibattito sulla riforma della legge sul controllo delle armi da fuoco, proposta dopo la strage provocata dalla sparatoria alla scuola di Newtown.

Secondo il dipartimento di Sicurezza interna, la ricina è letale se inalata. Non esiste contagio, ma non c’è antidoto. La lettera ha riportato alla memoria le lettere all’antrace indirizzate a uffici, giornalisti e uffici del Congresso a seguito degli attacchi dell’11 settembre 2001. Cinque persone morirono e altre 17 si ammalarono e l’Fbi attribuì l’azione a uno scienziato specializzato in biodifesa, che morì suicida nel 2008.

La lettera indirizzata a Wicker è arrivata il giorno dopo l’allarme terrorismo a Boston, in cui l’esplosione di due bombe al traguardo della maratona ha causato la morte di tre persone e il ferimento di altre 176. Non pare casuale il fatto che gli organizzatori avessero deciso di dedicare l’ultimo miglio della storica corsa alla strage alla scuola di Newton.

La senatrice Claire McCaskill del Missouri ha dichiarato che il mittente è una persona nota perché spesso scrive ai deputati, ma le autorità hanno in seguito fatto sapere che ci sono sospetti, ma di non poter fornire informazioni mentre l’indagine è in corso. La busta indirizzata a Wicker e’ stata scoperta in un ufficio di smistamento della posta nella contea Prince George del Maryland, secondo quanto raccontato dal senatore Dick Durbin.

Wicker, 61 anni, rappresentante del Mississippi, è stato nominato al Senato nel 2007 e prima ha servito alla Camera per una decina d’anni. Conservatore, ha fatto notizia la scorsa settimana con il suo voto a favore del dibattito sulla legge per il controllo delle armi al Senato.

A Oklahoma City, capitale dell’omonimo Stato, è stato intanto evacuato il municipio e gli edifici limitrofi, per un furgone sospetto parcheggiato nei paraggi e riconosciuto come rubato.

La polizia sta ispezionando il veicolo – un comune camioncino della società di noleggio e trasporti U-Haul – e al momento, dice Cnn, la situazione è sotto controllo. L’allarme è scattato sull’onda della paura scatenata dall’attacco terroristico di lunedì alla maratona di Boston.

Ad alimentare i sospetti anche un trauma storico, l’attentato che il 19 aprile del 1995 è costato la vita a 168 persone in un palazzo federale di Oklahoma City. In quel caso l’attentatore Timothy McVeigh aveva nascosto l’esplosivo in un furgone giallo, di una compagnia di noleggio Ryder.