LEHMAN BROTHERS AUMENTA RATING DEI BROKER

19 Marzo 2001, di Redazione Wall Street Italia

Il settore delle banche d’investimento sta passando un brutto periodo – gli investitori abbandonano il mercato e le offerte iniziali vengono cancellate – e sta cercando di sopravvivere allo scivolone della borsa riducendo le spese, ma secondo Lehman Brothers le case di brokeraggio sono destinate a registrare crescita, margini e guadagni da capitale superiori a quelli di altri settori finanziari.

Mark Constant di Lehman Brothers ammette che l’industria sia altamente ciclica e che i recenti livelli di guadagno dovranno affrontare serie minacce, ma ritendo che le valutazioni del settore sono scese a sufficienza per offrire opportunita’ favorevoli, ha aumentato il rating di 3 delle quattro maggiori societa’ di brokeraggio.

Merrill Lynch (MER – Nyse) e’ passata cosi’ da “2-Buy” a “1-Strong Buy” ed e’ considerato il titolo piu’ attraente come combinazione di possibilita’ di guadagno, consistenza e riduzione del valore.

Goldman Sachs (GS – Nyse) e’ stata portata a “2-Buy” sebbene il flusso degli utili sia molto volatile -dovrebbe annunciare questa settimana $1,32 contro $1,76 dell’anno scorso – poiche’ le potenzialita’ in un mercato in ripresa dovrebbero essere le piu’ significative.

Morgan Stanley Dean Witter (MWD – Nyse) ha ricevuto un rating “2-Buy” sulla convinzione che le valutazioni stiano diventando molto interessanti e che i timori relativi al rallentamento dell’attivita’ di trading siano esagerati.

Lehman Brothers, pero’, rimane in dubbio sulla possibile fuga di dipendenti chiave da Morgan Stanley e sulla potenziale aggressivita’ della societa’ nell’utilizzo del capitale peer mantenere la sua posizione nel mercato delle banche d’investimento.

Morgan Stanley dovrebbe annunciare questa settimana utili di $0,97 ad azione contro $1,34 dell’anno scorso.

Il rating di Charles Schwab (SCH – Nyse) e’ rimasto invece invariato.

L’analista di Lehman Brothers e’ convinto che gli utili dell’intero settore potranno essere alla meno peggio non interessanti e che nel breve termine il panorama e’ destinato a rimanere piuttosto piatto – soprattutto per quanto riguarda le attivita’ di fusione e acquisizione. I titoli delle banche d’investimento, pero’, hanno dimostrato di non venire particolarmente colpiti da ‘cifre deludenti’, e questo potrebbe ripetersi soprattutto se la Federal Reserve aumentasse la fiducia degli investitori.

Quando le condizioni del mercato finanziario si stabilizzeranno secondo Lehman Brothers l’attivita’ di M&A dovrebbe riprendere per poi svilupparsi in una potenziale crescita a lungo termine per le societa’ d’investimento.

Il rapporto di Lehman Brothers ha avuto un impatto positivo sui titoli delle banche d’affari. Merrill Lynch in mattinata ha guadagnato il 2,5%, Goldman Sachs l’1,6% e Morgan Stanley l’1,7%.