Le spese militari: un tabu’ da due miliardi di euro al mese

23 Dicembre 2011, di Redazione Wall Street Italia

Roma – Ogni mese in Italia due miliardi se ne vanno in spese militari, senza le quali tutta la manovra di austerita’ “Salva Italia” potrebbe essere rivista. Sono soldi che potrebbero essere utilizzati meglio, traducendoli nel sociale per misure che servano veramente ai cittadini.

A lanciare l’appello e’ Gino Strado, fondatore di Emergency intervenuto ieri alla trasmissione Servizio Pubblico. “L’Italia spende due miliardi di euro al mese per le spese militari tutta la manovra si poteva rivedere. Traducendoli nel sociale per cose che servono ai cittadini, compresi i treni.. “, ha denunciato il chirurgo, facendo riferimento ai disservizi di Trenitali su cui la puntata di giovedi’ era incentrata.

“I lavoratori vanno sulle torri, le famiglie sono povere e noi spendiamo due miliardi al mese che non ci possiamo permettere”, ha riassunto il numero uno dell’Ong ai microfoni della trasmissione condotta da Santoro.