LE SOGLIE DI SUPPORTO PER NASDAQ E S&P 500

5 Gennaio 2000, di Redazione Wall Street Italia

Quando un mercato chiude al ribasso, la successiva apertura in area positiva riflette solitamente l’ attivita’ degli speculatori.
Gli investitori aspettano, invece, un’ulteriore discesa prima di rientrare nel mercato. Questo era valido ieri sera, dopo il calo del 5,6% del Nasdaq. Oggi tuttavia l’indice dei tecnologici ha aperto in preda agli ordini ”sell”.

Quel che si chiedono tutti oggi e’: cosa accadra’ al Nasdaq, alla fine della seduta di mercoloedi’?

L’indice ha gia’ passato alcuni livelli critici; una volta sceso al di sotto dei 3902-3878 punti – dicono gli analisti tecnici – potrebbe calare a quota 3833-3756 (come infatti e’ accaduto stamattina dopo l’apertura) e a quel punto gli acquisti potrebbero scattare di nuovo. Infatti si e’ notato un recupero dei prezzi, e alle 11:15 l’indice Nasdaq si trova a quota 3.830 (che e’ circa la fascia alta dell’ultimo punto di supporto). Qusti liveli potrebbero essere ”testati” varie volte nel corso della giornata.

L’indice S&P 500 e’ invece stabile nell’area di 1429-1388 punti, livello che non dovrebbe essere infranto, per ora. Si potrebbe verificare (e infatti e’ accaduto e potrebbe ripetersi) una discesa al di sotto dei 1388 punti, ma poi dovrebbe esserci una successiva stabilizzazione a quota 1383-1345.

Se lo S&P 500 si muovera’ ad un certo punto al rialzo, un’immediata resistenza si trovera’ a 1410-1417 e poi a quota 1439-1450.