Le borse europee smorzano gli entusiasmi in attesa BOE

9 Dicembre 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – Le borse europee restano complessivamente ben impostate a metà seduta, in attesa della riunione di politica monetaria della BCE. UN sostegno ai mercati europei, stamattina, è arrivato dal settore tecnologico, dopo che ASML ha alzato le previsioni sulle vendite dell’anno in corso. Intanto, il bollettino della BCE non ha detto nulla di nuovo sulla situazione economica dell’Eurozona, che conferma una modesta crescita ed un’inflazione contenuta. Tuttavia, il rapporto mensile dell’Eurotower ha dedicato più spazio alla crisi debitoria in atto nella Zona Euro, sottolineando l’importanza dei piani di consolidamento fiscale e delle riforme strutturali. Oggi, Fitch ha tagliato il rating dell’Irlanda a “BBB+”, risolvendo il creditwatch annunciato in precedenza. Ora si attende il termine della riunione di politica monetaria della Bank of England, che dovrebbe confermare un livello dei tassi sostanzialmente invariato. La stessa cosa è stata decisa in Corea e Nuova Zelanda, dove le rispettive banche centrali hanno mantenuto invariato il costo del denaro, alla luce anche degli impatti della crisi europea. Intanto, l’euro ridimensiona dai massimi di inizio giornata a 1,322 USD (-0,3%), condizionando il petrolio che torna sotto gli 89 dollari al barile. Fra le borse europee la migliore resta Madrid con un guadagno dello 0,97%, mentre Amsterdam sale dello0,68% e Zurigo dello 0,55%. Bene anche Parigi che mostra un incremento dello 0,52%, mentre appare più cauta Londra con un vantaggio moderato dello 0,28%. Peggio fanno Francoforte che lima lo 0,13% e Bruxelles lo 0,27%. Futures USA in frazionale rialzo ma sotto i massimi della mattinata segnalano una partenza cauta per Wall Street.