Le borse europee aprono incerte

17 Giugno 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – Esordio incerto per le borse europee, in scia alla scarsa direzionalità offerta da Wall Street ieri e sulla scia della performance debole dell’Asia. La cautela prende il sopravvento sui mercati, in attesa di una giornata che sarà molto ricca di spunti sul fronte economico. Grande attenzione è riservata all’Eurozona, dove è in agenda una riunione del leader dell’Europa allargata, che potrebbe fare il punto della situazione sulla questione della sorveglianza sui deficit e mettere a punto i principi di una riforma finanziaria, anche alla luce dell’imminente vertice del G20 a Toronto. Attesa anche la pubblicazione del consueto bollettino mensile della BCE. Una tornata di dati economici è attesa negli Stati Uniti, che vedono in primo piano il dato sull’inflazione, il leading indicator ed il Philly FED. Intanto, l’euro fornisce qualche segnale di debolezza, collocandosi a 1,225 USD (-0,36%), mentre il petrolio viaggia a 77 dollari al barile. Fra le borse europee la peggiore è Madrid che cede lo 0,20% a 9663,8 punti, mentre Parigi mostra un decremento dello 0,13% a 3671,06 punti e Francoforte dello 0,12% a 6183,47 punti. Movimenti di poco rilievo per Amsterdam a 334,67 punti -0,03%, Bruxelles a 2512,66 punti -0,05% e Londra a 5235,19 punti -0,05%. A livello settoriale si segnala il pessimo andamento dei minerari e dei tech, mentre brillano i titoli petroliferi. Grande attenzione su BP che ha tagliato il dividendo ed annunciato vendite di assets per finanziare un maxi fondo da 20 miliardi per il risarcimento dei danni in USA.