LA TECNOTRUFFA CHE FA
TREMARE EBAY

27 Marzo 2007, di Redazione Wall Street Italia

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell’ autore e non necessariamente rappresenta la linea editoriale di Wall Street Italia, che rimane autonoma e indipendente.

(WSI) – Quanto vale una buona reputazione? Su alcuni servizi internet, come eBay, può valere moltissimo. I clienti del popolare sito di aste online, infatti, assegnano un “feedback”, una valutazione della correttezza del venditore, dopo ogni transazione. Una percentuale del 100% di giudizi positivi, quindi, garantisce sull’onestà del banditore. Insomma: la buona reputazione è un vantaggio per tutti. Per il banditore dell’asta, in primo luogo, che avrà ancora più clienti. E per i clienti, che si sentiranno al riparo dalle truffe. A meno che il “feedback” stesso non sia una truffa.

Si chiama crowdhacking, ed è l’ultima variante delle frodi sul web. Feedback gonfiati artificialmente, curriculum senza macchia costruiti a tavolino per “accalappiare” gli ignari internauti. Che si fidano dei giudizi – che credono inviati da altri utenti – e comprano.

Hai mai provato ad abbonarti a INSIDER? Scopri i privilegi delle informazioni riservate, clicca sul
link INSIDER

A lanciare l’allarme è la rivista Wired, che dedica al fenomeno tre pagine. E racconta i “colpi” meglio riusciti. Come quello di Nancy Dreksler, che in questo modo ha “guadagnato” un a piccola fortuna. Si è costruita una reputazione vendondo su eBay ([[EBAY]]) articoli di poco valore, come cd e dvd. E quando ha raggiunto un feedback del 100%, ha messo in vendita 100mila dollari di articoli inesistenti ed è scappata con il denaro.

Per eBay si tratta di un rischio mortale. Se dovesse venir meno la fiducia degli utenti nel servizio, il sito d’aste crollerebbe. La società, però, giura di aver messo a punto delle strategie per scoprire i feedback fraudolenti ma, concede, “non sono ancora perfette al cento per cento”.

La verità è che smascherare questo genere di trucchi non è semplice. Anche se, in fondo, sono solo una reinterpretazione tecnologica del primo comandamento di un truffatore: conquistarsi la fiducia del prossimo, su cui si basa ogni transazione commerciale.

Ma non sono solo i siti d’aste ad essere nel mirino. Ovunque ci sia un feedback, una recensione o un voto dell’utente, c’è la possibilità di imbattersi in un crowdhacking. Anche gli aggregatori di news on-line sono sotto tiro. Su Digg.com, gli utenti votano le storie che devono andare in prima pagina. Ma anche la popolarità di un pezzo, proprio come il feedback di un venditore su eBay, può essere gonfiata artificialmente. Esistono addirittura dei siti deputati a questo: User/Submitter, ad esempio, che per 20 dollari, più 1 per voto, promette al tuo articolo di arrivare in prima pagina.

Il guadagno derivante da attività come queste può essere enorme. La prima pagina di Digg è visitata da milioni di persone: con un po’ di fortuna, una storia che vi compaia può raggiungere i primi posti nelle ricerche su Google ([[GOOG]]). E, per la gioia degli inserzionisti, incrementare di colpo gli accessi del sito su cui è pubblicata. Kevin Rose, il fondatore di Digg, dice di stare lavorando per impedire queste manipolazioni. Ma ancora non si vedono risultati.

Copyright © La Repubblica per Wall Street Italia, Inc. Riproduzione vietata. All rights reserved