La prima prova clinica in assoluto che dimostra come le cellule staminali dentali rigenerino le

9 Dicembre 2009, di Redazione Wall Street Italia

In una dichiarazione di oggi, StemSave(TM) Inc., leader di mercato nel settore del recupero di cellule staminali e della crioconservazione, loda la ricerca pubblicata nel numero di novembre del European Cells and Materials Journal, che cita la ricostruzione dell’osso mandibolare umano per mezzo di cellule staminali autologhe della polpa dentale. StemSave encomia i ricercatori italiani della 2a Università di Napoli per il loro lavoro pionieristico. Questa è la prima volta in cui la ricerca sulle cellule staminali dentali è passata dal laboratorio alla sperimentazione clinica umana. La riparazione e la rigenerazione dell’osso è particolarmente significativa per il settore maxillo-facciale orale, in quanto la riparazione di queste ossa, che promuovono le funzioni oro-facciali come il linguaggio, la masticazione, la deglutizione e le espressioni facciali, è estremamente intricata e complessa. Secondo il Dottor David Matzilevich, M.D., Ph.D. e consulente scientifico di StemSave, “Questi studi clinici sono veramente significativi, in quanto le cellule staminali autologhe dentali sono state sviluppate in vitro e allo scopo di riparare le ossa oro-maxillo-facciali. Queste cellule agevolano anche il trapianto, eliminando le complicanze immunologiche come il rigetto o l’infiammazione eccessiva. Ciò è molto importante in quanto crea un ambiente che è più adatto per una crescita effettiva di nuove ossa mandibolari. Questo approccio sembra anche essere superiore rispetto alle attuali metodologie che utilizzano tessuti cadaverici, o tessuti per l’innesto provenienti da altre parti del corpo. Sono molto contento che le cellule staminali dentarie abbiano ora chiaramente un ruolo chiave nell’ingegneria tissutale e nella medicina rigenerativa, ora che è stato dimostrato come si differenzino in molteplici linee cellulari”. “Questa sperimentazione clinica costituisce un grande progresso, utilizza le cellule staminali del paziente stesso raccolte dai denti per riparare le ossa, ed è la prima di quelle che riteniamo essere un crescente numero di applicazioni per il trattamento di un’ampia gamma di malattie, di traumi e di lesioni. Inoltre, dato che le cellule staminali dentarie sono facilmente ottenibili attraverso procedure dentarie di routine, questo rappresenta il primo di molti prossimi impieghi nel campo della medicina personale e rigenerativa, e incoraggia la scelta saggia di raccogliere e conservare le proprie cellule staminali provenienti dai denti”, ha detto Art Greco, CEO di StemSave, Inc. StemSave, Inc. StemSave fornisce un metodo accessibile e non-invasivo per la raccolta e la crioconservazione delle cellule staminali adulte e forti che si trovano nei denti, e promuove la collaborazione con i dentisti per la raccolta delle cellule staminali durante le procedure dentali di routine. Per ulteriori informazioni visitare il sito www.StemSave.com. Il testo originale del presente annuncio, redatto nella lingua di partenza, è la versione ufficiale che fa fede. Le traduzioni sono offerte unicamente per comodità del lettore e devono rinviare al testo in lingua originale, che è l’unico giuridicamente valido.

Per StemSave, Inc.Jonathan Freedman, [email protected]