La fortuna intelligente che annulla gli imprevisti

21 Luglio 2022, di Leopoldo Gasbarro

C’è conforto nella certezza. Sapere dove ci sta portando il nostro viaggio ed avere un piano fornisce rassicurazione in un mondo in rapida evoluzione. Ma c’è un’altra forza, costantemente in gioco nella vita, che spesso fa la più grande differenza per il nostro futuro: l’imprevisto. E il modo in cui affrontiamo l’imprevisto definisce ciò che rende gli individui e le organizzazioni preparati, o meno, per il futuro. I leader, i visionari, hanno sviluppato una capacità spesso inconscia di trasformare gli imprevisti in risultati positivi. Facciamo un esempio. Essere attenti nell’attraversare un passaggio pedonale su una strada molto trafficata, vuol dire affrontare un potenziale imprevisto ed annullarlo. Abbiamo annullato l’imprevisto e gli effetti che è in grado di sviluppare. Potremmo definirla, “fortuna intelligente“.

Ma la “fortuna intelligente” ci deve aiutare a costruire correttamente il percorso della nostra storia e a comprendere ciò che potrebbe accadere in futuro. Questo può portarci a percepire gli eventi come più prevedibili di quanto non fossero in realtà. Ci aiuterebbero a far sembrare, fin da subito, molto meno incerto il futuro. E’ già successo. Tutto quello che stiamo vivendo è un immenso déjà vu. Le pandemie, le guerre, le carestie i momenti di difficoltà, rappresentano un percorso già scritto di questo mondo. E’ già successo. Ed è già successo che il mercato dei bond crollasse e distruggesse valore, prima di inanellare una serie storica che dal 1994 aveva generato uno dei periodi più lunghi e produttivi di questa asset class. La rivista Fortune, proprio in quell’anno, e l’abbiamo riportata fedelmente in copertina, aveva titolato “The Great Market Bond Massacre“. E’ già successo. Ma noi facciamo finta che non sia mai accaduto. E facendo finta che non sia mai accaduto non sappiamo come affrontarlo, non siamo preparati a quest’imprevisto. E così lo subiamo. Senza sfruttare la nostra “Fortuna Intelligente”, senza fare quel passo avanti, che in alcuni periodi ci permette di andare molto più avanti di quanto ci si potesse aspettare. E così restiamo indietro aspettando che cambi qualcosa… ma anche questo è già successo