La Fed ordina nuovi stress test

17 Febbraio 2011, di Redazione Wall Street Italia

La Federal Reserve ha ordinato alle 19 maggiori banche americane di effettuare test sui loro livelli di capitale verificando cosi’ la loro tenuta nel caso di uno scenario caratterizzato da nuova recessione e tasso di disoccupazione superiore all’11%. Lo scrive Bloomberg citando due persone informate sui piani della banca centrale guidata da Ben Bernanke.

Gli istituti di credito hanno presentato i rispettivi piani alla Fed la quale completera’ la sua analisi a marzo. Sotto osservazione sono finiti prestiti, utili, livelli di capitale, partecipazioni in base ad almeno tre differenti congiunture economiche.

“Quello che stanno dicendo e’ ‘Prima che ritorniate a distribuire capitale agli azionisti, assicuriamoci che la base di capitale delle banche sia abbastanza forte da potere affrontare una nuova recessione'”, ha spiegato a Bloomberg Jonathan Hatcher, strategist di Jefferies, secondo cui i regolatori non vogliono che le banche tornino poi a chiedere aiuto.

Lo scenario assunto dalla Fed prevede un calo del Pil dell’1,5% nel periodo che va dall’ultimo trimestre 2010 a fine 2011. Il tasso di disoccupazione potrebbe superare l’11% entro i primi tre mesi del 2012 per poi ridiscendere al 9,5% entro fine 2013. Il portavoce della Fed non ha voluto rilasciare commenti su questi parametri.

JP Morgan Chase e PNC Financial Services hanno per esempio chiesto alla Fed di aumentare i dividendi. L’istituto centrale ha risposto che si aspetta cedole e buyback “conservativi” ma in generale questo tipo di richieste potrebbero essere rigettate perche’ “inappropriate”.

L’aumento del capitale redistribuito agli azionisti da parte delle banche, se avverra’, sara’ uno dei temi piu’ osservati nella storia della banca centrale dove 100 persone lavorano proprio all’analisti dei capitali degli istituti. Anche il Congresso e’ particolarmente attento al tema.

La prima versione degli stress test del maggio 2009 si era conclusa con il seguente verdetto: 10 banche hanno bisogno di raccogliere $74,6 miliardi di capitali.