LA ‘BIBBIA DELLA FINANZA’ USA PASSA AI DECIMALI

22 Agosto 2000, di Redazione Wall Street Italia

Il Wall Street Journal, il quotidiano finanziario piu’ diffuso negli Stati Uniti, pubblica da oggi tutti i prezzi dei titoli azionari in numeri decimali anziche’ in frazioni di 32esimi.

Lo annuncia lo stesso quotidiano, spiegando che l’iniziativa intende anticipare un cambiamento che i principali mercati di scambio americani sono chiamati a effettuare in ogni caso tra questo autunno e la prossima primavera.

Gia’ il 2 agosto il Wall Street Journal aveva cominciato a registrare in decimali – cioe’ in dollari e centesimi di dollaro – i titoli trattati al Nasdaq. L’8 agosto e’ stata la volta dell’American Stock Exchange. Oggi il quotidiano termina con i titoli trattati al New York Stock Exchange.

L’espressione dei valori azionari in frazioni risale a una tradizione americana di 3 secoli fa.

Recentemente la Securities and Exchange Commission (la Consob americana) ha invitato le borse Usa ad adottare il sistema decimale come in Europa, sostenendo che questo porterebbe una maggior trasparenza, e quindi benefici, per i piccoli investitori.

Il NYSE e l’Amex saranno i primi a passare ai decimali con programmi pilota che inizieranno il prossimo lunedi’, 28 agosto. Il Nasdaq comincera’ a usare i centesimi solo a partire dal prossimo marzo.