L’ottimismo dilaga fra le borse europee

1 Settembre 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – Le borse europee si confermano in accelerazione al giro di boa, dopo un esordio moderatamente positivo. I mercati hanno infatti accelerato nel corso della mattinata, a dispetto della frenata registrata dal PMI manifatturiero europeo. A sostenere il sentiment delle borse contribuiscono le buone notizie giunte dall’Asia nella notte, che hanno mostrato un rimbalzo del PMI della Cina. La forte crescita realizzata dall’Australia nel secondo trimestre, pari all’1,2%, ha contribuito a ripristinare l’ottimismo fra gli operatori, cancellando la delusione generata dalle Minutes del FOMC, pubblicate ieri sera. Ora si attende una tornata di dati macroeconomici americani, soprattutto il report sugli occupati del settore privato, pubblicato da ADP, che prelude al dato complessivo di venerdì sull’occupazione. Occhi puntati anche sull’ISM manifatturiero. Intanto, i Futures USA non celano un certo ottimismo, con rialzi superiori all’1% sul contratto legato al Nasdaq e su quello relativo allo S&P 500. L’euro prosegue la sua accelerazione, portandosi sulla soglia degli 1,28 dollari, in una giornata che tende a privilegiare gli investimenti più rischiosi, a dispetto dei cosiddetti porti sicuri quali il dollaro e lo yen. Eppure, l’oro continua a guadagnare terreno, riportandosi molto vicino ai record e segnando un valore di 1255 dollari l’oncia. Fra le piazze europee la migliore è Parigi con un guadagno dell’1,7%, complice l’ottima performance di Vivendì dopo risultati oltre le attese ed un miglioramento dell’outlook. Bene anche Zurigo con un progresso dell’1,4% ed Amsterdam dell’1,3%. Stessa impostazione per Londra, che viene sostenuta da TUI Travel, su notizie di takeover, e Intercontinental Hotels, per effetto di un upgrade di Morgan Stanley. Forti anche i minerari. Fra le altre piazze europee si segnalano Madrid e Bruxelles con incremento dell’1,2% e Francoforte dell’1%.