L’ottimismo contagia i futures Usa

3 Gennaio 2011, di Redazione Wall Street Italia

Quando manca un’ora e mezzo all’avvio delle contrattazioni i futures sui principali indici della borsa americana viaggiano con decisione sopra la parita’, (vedi quotazioni a fondo pagina) facendo pensare a un avvio decisamente positivo.

L’ottimismo nella prima seduta del nuovo anno contagia dunque anche la borsa americana mentre quelle europee viaggiano all’insegna della tonicita’ sostenute dal settore auto e in Corea l’indice Kospi Composite ha segnato un +0,9% a 2070.08, terminando al di sopra dei massimi storici registrati il 31 ottobre 2007 a 2064.85.

Anche i derivati Usa beneficiano del dato sull’andamento del settore manifatturiero cinese che secondo alcuni analisti e’ la prova che l’economia cinesa ha avuto il suo picco nel terzo trimestre del 2010. Cio’ significa che il rallentamento dell’economia potrebbe scoraggiare Pechino da nuovi aggressivi rialzi dei tassi di interesse.

A spingere al rialzo i futures Usa anche la fiducia sui dati macro che verranno pubblicati in settimana. Focus sul rapporto del lavoro di venerdi’ mentre oggi si guarda all’ISM Manifatturiero di dicembre e alla spesa per le costruzioni di novembre (alle 16:00 ora italiana)..

Le prime ore di questa prima seduta del 2011, per Piazza Affari, sono state decisamente movimentate; l’ingresso nel Ftse Mib dei due titoli Fiat si è tradotto infatti in aggiustamenti e in errori di carattere tecnico che hanno portato il Ftse Mib a registrare una performance negativa, quando invece il listino era ben comprato, sia sul fronte degli industriali che dei titoli bancari.

Piazza Affari ha ben accolto doppio debutto di Fiat Spa e Fiat Industrial. Un doppio debutto che è stato commentato dallo stesso amministratore delegato Sergio Marchionne e che ha scatenato un’ ondata di giudizi, per lo più positivi, da parte di analisti e broker.

Sugli altri mercati, nel comparto energetico, ifutures sul petrolio con consegna febbraio sono in rialzo dello 0,84% a quota $92,15 il barile. Il derivato con scadenza febbraio dell’oro segna +0,08% a $1.422.,50 l’oncia. Sul fronte valutario l’euro e’ in calo dello0,25% a quota $1,3350. Quanto ai Treasury, il rendimento del decennale vale il 3,36%.

Alle 14:00 (le 8:00 ora di New York) il contratto future sull’indice S&P500 avanza di 6,40 punti (+0,51%) a quota 1.263,90.

Il contratto sull’indice Nasdaq 100 segna +22 punti (+0,99%) in area 2.238.

Il contratto sull’indice Dow Jones guadagna 97 punti a quota 11.610 (+0,84%).