L’ORSO FA MALE, LE BORSE UE SANGUINANO

7 Giugno 2002, di Redazione Wall Street Italia

Le borse europee a metà giornata sono in netto calo, peraltro preannunciato da un avvio in rosso.

L’uragano Intel (INTC – Nasdaq) si è abbattuto soprattutto sulla triade Tmt: l’indice Eurostoxx segnala infatti una fuga degli investitori dai tecnologici (-4,73), tlc (-3,17%) e media (-3,22%).

I future preannunciano un’apertura in netto ribasso per Wall Street.

Londra (-,%) è sfiancata da Vodafone (-5,44%), MMO2 (-5,10%), Arm Holdings (-4,64%) e Bt Group (-2,90%).

Parigi perde il 2,60% dietro Stmicroelectronics (-5,74%), che ha deciso di stanziare dei fondi per investimenti sulla ricerca insieme a Philips e Motorola (MOT – Nyse). In calo anche Cap Gemini (-3,85%), Orange (-3,41%) e Alcatel (-5,24%). In netto ribasso anche France Telecom (-5,54%), alle prese con le grane Mobilcom.

Francoforte (-2,52%) cede terreno dietro Deutsche Telekom (-4,23%), Siemens (-4,64%) e Infineon (-7,45%).