L’Italia che funziona

24 Giugno 2013, di Redazione Wall Street Italia

NEW YORK (WSI) – La voglia di potersi preparare un caffé di qualità a casa ha generato una corsa alle macchinette domestiche, generando un mercato rialzista decennale per le societa’ come Nespresso (gruppo Nestlè) e De Loghi.

La crescente domanda per il consumo di capuccini, macchiati e altre bevande a base di caffeina, ha reso miliardario l’imprenditore Giuseppe De’Longhi, fondatore e presidente di De’Longhi (DLG).

I prezzi dei titoli del gruppo trevigiano, il terzo al mondo nella produzione di macchine per il caffé, hanno registrato un progresso del 250% dalla fine del 2007. Il valore di mercato del gruppo e’ ora di almeno 2 miliardi di dollari, secondo l’indice Bloomberg Billionaires.

Il padre di De Longhi detiene il 67% dell’azienda, ma non è mai ancora apparso nelle classifiche dei ricconi del pianeta stilate da Forbes e simili.

Il fatturato generato dalle macchinette per il caffé domestiche ha registrato un aumento a quota $6 miliardi e 700 milioni nel 2012, per un rialzo del 47% rispetto al 2007, stando alle cifre pubblicate da Euromonitor International.

“Bere del buon caffé è diventata una scelta di vita“, ha raccontato a Bloomberg David Veal, executive director per l’Associazione europea “Speciality Coffee”, un gruppo specializzato negli scambi commerciali con sede a Essex, in Inghilterra. “La gente che apprezza un buona tazza di caffé vuole l’opportunità di farlo anche a casa”.

Ed è a quel punto, che entrano in gioco aziende come De Longhi e Nespresso.