L’ira di Fini contro Minzolini: c’è un limite all’indecenza

14 Ottobre 2011, di Redazione Wall Street Italia
Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell’ autore e non necessariamente rappresenta la linea editoriale di Wall Street Italia, che rimane autonoma e indipendente.

«Augusto Minzolini si deve dimettere subito per l’intollerabile faziosità del suo telegiornale. C’è un limite anche all’indecenza». Arriva un’ora dopo la fine del Tg1 la secca nota del Presidente della Camera, Gianfranco Fini.

E a stretto giro a spiegarne il disappunto è Flavia Perina, ex direttore del Secolo : «Aprire con un servizio e un’intervista senza contradditorio a Franco Bechis (vicedirettore di Libero, ndr), incentrata su un dissennato attacco alla Giunta per il regolamento della Camera e al presidente Fini – dice la deputata di Fli – è uno strappo istituzionale senza precedenti».

E aggiunge: «I vertici della Rai spieghino se sono consapevoli e concordi con la trasformazione del primo tg italiano in una succursale di Libero ».

Minzolini non ne vuole parlare: «Quando avrò tempo ci penserò», dice il direttore del Tg1. Immediata la reazione nel Pdl. Il capogruppo alla Camera, Fabrizio Cicchitto, attacca il presidente di Montecitorio: «Sempre più nettamente l’onorevole Fini si caratterizza sul terreno politico oscurando il ruolo super partes che dovrebbe avere da presidente della Camera. Evidentemente, forse anche per questo, chiede le dimissioni di Augusto Minzolini».

Copyright © Corriere della Sera. All rights reserved