Società

L’ INDIA SPICCA
IL VOLO, PROMOSSA
DA FITCH

Questa notizia è stata scritta più di un anno fa old news

Il contenuto di questo articolo esprime il pensiero dell’ autore e non necessariamente rappresenta la linea editoriale di Wall Street Italia, che rimane autonoma e indipendente.

(WSI) –
La notizia era nell’aria. Eppure il provvedimento di Fitch, che ieri ha alzato il rating dell’India da BB+ a BBB-, ha scatenato l’entusiasmo degli investitori, soprattutto di quelli occidentali. Perché la promozione decretata dall’agenzia ha finalmente accolto il colosso asiatico nella ristretta cerchia dei debitori investment grade, levandogli la scomoda etichetta di junk bond.

«Questo significa che molti fondi europei e americani, fino a oggi impossibilitati per statuto a investire in una Paese con rating spazzatura, potranno fare man bassa di obbligazioni e azioni indiane – spiega Janak Desai, numero uno della Ing Vysya Bank – Adesso Standard & Poor’s e Moody saranno sotto pressione per alzare il merito di credito di Nuova Delhi». Del resto, per alcuni fondi d’investimento, servono almeno due opinioni positive delle agenzie per potere investire in un Paese. E un eventuale upgrade da parte di S&P, che sull’India ha rating BB+ con outlook positivo, sarebbe in questo senso decisivo.

«Il Paese sta realizzando un ottimo consolidamento fiscale – hanno precisato ieri da Fitch – Ma la nostra decisione è legata anche alla crescita super e all’avanzo di bilancia commerciale». Qualche punto debole? «La finanza pubblica deve essere rafforzata – hanno aggiunto dall’agenzia – E poi c’è la questione del credito, che viene concesso con troppa facilità a causa del boom economico. Insieme al surriscaldamento dei prezzi, questo ha causato un impennata dei tassi che va avanti dal 2004».

Una posizione condivisa da Sanjeev Sanyal, economista della Deutsche Bank di Singapore: «La crescita super significa aumento dei redditi personali ma anche degli introiti fiscali. E proprio su quest’ultimo versante devono agire i governanti indiani». Ma grazie all’afflusso di capitali esteri favorito dalla promozione di Fitch, sarà certamente più agevole fare quadrare i conti del bilancio.

Copyright © Bloomberg – Finanza&Mercati per Wall Street Italia, Inc. Riproduzione vietata. All rights reserved