L’ IMBROGLIO DEL PETROLIO

3 Agosto 2004, di Redazione Wall Street Italia

Diceva Von Clausewitz che la guerra è la continuazione della politica con altri mezzi. Oggi possiamo dire tranquillamente che la guerra è la continuazione dell’economia con altri mezzi o che l’economia è a sua volta la continuazione della guerra. La guerra in Irak lo dimostra.

Guerra per il petrolio si disse e si dice ancora. E certo il petrolio ha una parte importante dell’orrendo cocktail mediorientale. Ma a guardare dati e statistiche sembra che questa più che una guerra per accaparrarsi le risorse energetiche, sia una guerra per mantenere alti i prezzi. del petrolio. Un maledetto imbroglio. Un imbroglio che si fonda sul mercato. Infatti il mercato del petrolio non è in Medioriente, ma qui, in Occidente. I prezzi non si fanno nei deserti arabi, ma nei supercondizionati grattacieli della City a Londra e di Wall Street, a Manhattan e soprattutto a Houston e a Dallas, Texas.

Facciamo allora il punto sulla questione dei prezzi. Il petrolio era già cresciuto durante la “guerra”. Normale. Speculazione fin troppo facile, a vendere sul mercato erano addirittura gli americani, che mentre conquistavano i “pozzi di Saddam” si finanziavano vendendo le loro scorte sul mercato. Ma dopo la conquista i prezzi non scendono, anzi salgono. Salgano fino a $50 a barile. Vacche grasse per le compagnie di petrolio, tutte al rialzo in Borsa e con utili spettacolari. Per far digerire il salatissimo conto sui prodotti petroliferi, benzina in primo luogo, c’è più di una giustificazione: il terrorismo internazionale, che arriva addirittura a colpire gli oleodotti, la mancata ripresa della produzione irachena, e poi, naturalmente, i venali islamici che sfruttano la situazione per rimpinguare le casse dei rispettivi stati e delle famiglie regnanti.

E così si alimenta il conflitto, la “guerra fra civiltà”, fra la civiltà dell’ automobile utilitaria e quella delle limousine degli sceicchi. Come dire si butta benzina sul fuoco sull’odio. Peccato che le cose non stiano proprio così.

Lunedi’ 2 agosto il prezzo del petrolio più pregiato, il light crude, ha sfiorato i $44 dollari il barile sul mercato a termine di New York (NYMEX, cioe’ New York Mercantile Exchange). Il Brent ha raggiunto lo stesso giorno i massimi in 13 anni. Come lo Strategic Alert ha spiegato in precedenza, la tendenza al rialzo dei prezzi petroliferi nel contesto di alti e bassi vertiginosi dei mercati non è dovuta ai meccanismi di domanda ed offerta, ma alla speculazione che imperversa sui mercati a termine, che sono il NYMEX e l’International Petroleum Exchange di Londra (IPE).

Questi mercati non trattano petrolio reale, ma solo “petrolio di carta”. Nel 99,9% di tutti i contratti a termine stipulati al NYMEX, nessuna delle due controparti consegna o riceve petrolio reale. Queste transazioni, però, influiscono enormemente sull’andamento dei mercati. La IPE ha reso noto da poco che i contratti derivati sul Brent Crude quest’anno hanno raggiunto un volume che non ha precedenti: il 14 maggio i contratti derivati aperti riguardavano un volume di 3375 milioni di barili. Questo equivale a cinque volte il totale dell’estrazione petrolifera giornaliera mondiale.

Per l’IPE sono disponibili solo le cifre del 12 febbraio, da cui risulta che i future sul brent crude avevano raggiunto i 179 milioni di barili, più del doppio del totale mondiale. Un aspetto curioso della questione è che mentre il “brent di carta” raggiunge volumi sempre maggiori, le consegne effettive di brent reale sono in netta diminuzione. All’inizio degli anni Novanta, la produzione giornaliera di brent ammontava a 700 mila barili al giorno, ma nel 2003 era scesa a 327 mila. Se presumiamo che il brent oggi effettivamente estratto sia di circa 300 mila barili al giorno, il “brent di carta” annunciato il 14 maggio supera quello realmente prodotto di 1250 volte. Sebbene il vero Brent rappresenti meno dello 0,4% della produzione mondiale, il suo prezzo determina quello del 60% di tutta la produzione petrolifera mondiale.” (EIR Strategic Alert n.24).

Non solo. Molti paesi arabi non stanno rispettando le quote OPEC. L’Algeria ad esempio: per tutto il 2003 e il primo semestre 2004 ha avuto una produzione di 1,4 milioni di barili/giorno, mentre la quota OPEC è di 782.000 barili/giorno, costantemente superata dall’Algeria. Quasi tutti i paesi si comportano allo stesso modo. I 3.500 barili di petrolio dell’Irak – quelli che mancano dal mercato – già da più di un anno li stanno producendo gli altri. Dunque la crisi del petrolio è un “imbroglio”.

Come nel 1973 il petrolio viene usato dagli USA per regolare il mercato mondiale, creando inflazione nei paesi più dipendenti dal petrolio, come Europa e Giappone, ma in parte anche Cina, e ridistribuendo ricchezza agli alleati petroliferi, primo fra tutti l’Arabia Saudita. Un imbroglio redditizio per tutti, e quindi una “verità economica”.

© Copyright: Independent Media Center.
Questo articolo e’ stato distribuito sotto Creative Commons Attribution-ShareAlike 1.0