L’Europa scatta sul finale in scia a Wally

27 Agosto 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – Tutti positivi in chiusura i principali indici del Vecchio Continente, rinvigoriti nel pomeriggio dalla buona performance di Wall Street. La revisione del PIL statunitense è risultata migliore delle attese mettendo di buonumore gli investitori, che hanno preferito soprassedere alla revisione al ribasso dell’indice sulla fiducia dell’Università del Michigan, che resta tuttavia al di sopra del mese precedente. Un sferzata di energia è poi giunta dalle attesissime parole del numero uno della Federal Reserve Ben Bernanke che, parlando in seno al meeting annuale organizzato dal distretto di Kansas City, ha finalmente affermato che la ripresa dell’economia è più lenta delle attese, rassicurando tuttavia che la Fed è pronta ad intervenire con misure “inusuali” in caso di un ulteriore peggioramento dell’outlook. Bernanke resta comunque ottimista sul futuro, affermando che vi sono ancora i presupposti per un picco della ripresa nel 2011. Notizie positive sono giunte stamane dall’Europa. Il Pil del Regno Unito è stato rivisto al rialzo, con un balzo che non si vedeva da nove anni a conferma dell’accelerazione della ripresa economica inglese nella prima parte dell’anno. Molti economisti temono tuttavia che l’indebolimento dell’economia mondiale e le politiche fiscali della Gran Bretagna possano minare la crescita nel 2011. Sul valutario scatta in avanti nel pomeriggio la moneta unica nei confronti del dollaro, con il cambio euro/dollaro sui massimi intraday a 1,2757 usd, mentre il petrolio si attesta a 73,82 dollari al barile. Madrid è la miglior piazza con un guadagno dell’1,44% a 10.148 punti. Seguono Parigi +0,93% a 3.507, Amsterdam +0,90% a 317 punti, Londra +0,89% a 5.201, Bruxelles +0,86% a 2.467, Zurigo +0,84% a 6.183 e Francoforte +0,65% a 5.951.