L’Europa parte col freno a mano in attesa di Zew e Fomc

14 Dicembre 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – Avvio in punta di piedi per i listini del Vecchio Continente, indecisi se continuare il rally degli ultimi giorni oppure optare per qualche profit taking. La sessione odierna sarà probabilmente tutta impostata all’attesa per la riunione del Fomc di questa sera. Scontato il nulla di fatto in materia di tassi, ci si concentrerà su eventuali commenti della Fed sull’andamento della politica di quantitative easing. Market mover della mattina potrebbe essere invece lo Zew tedesco, che gli analisti stimano ancora in rialzo. A livello politico si seguirà l’esito della fiducia al Governo Berlusconi, mentre il Premier portoghese Josè Socrates tenta di rassicurare i mercati attraverso le pagine del Financial Times. Sul valutario la moneta unica si conferma tonica nei confronti del dollaro a 1,3459 usd, mentre tra le commodities il petrolio viaggia a 88,76 dollari al barile. Sulle prime battute Londra si attesta sulla parità a 5.863 punti, così come Francoforte a 7.030 punti, mentre Parigi segna un +0,11% a 3.896 punti. Sui livelli della vigilia anche Amsterdam a 351 punti e Bruxelles a 2.636 punti, mentre Madrid mostra un leggero vantaggio dello 0,15% a 10.167 punti.