L’Europa incrementa i ribassi

30 Dicembre 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – Dopo l’avvio in cauto rialzo, le principali borse europee sono passate in negativo, incrementando le vendite attorno al giro di boa, in una seduta caratterizzata da volumi sottili. Per molte delle piazze del Vecchio Continente quella di oggi è l’ultima seduta dell’anno. Intanto dai derivati statunitensi giungono segnali contrastanti che lasciano presagire una partenza incerta per i mercati americani, più tardi. L’agenda macroeconomica prevede la diffusione di numeri sulle richieste settimanali di sussidio alla disoccupazione e la vendita di case pendenti in novembre. Sul mercato valutario, l’euro è in rialzo nei confronti del biglietto verde, con il cross eur/usd che scambia ben sopra gli 1,32 dollari. Tra le commodities, prezzi petroliferi in calo che scivolano sotto i 91 dollari al barile in attesa dei dati settimanali sulle scorte Usa, nel pomeriggio. Tra le piazze finanziarie, Francoforte segna un ribasso dell’1,10%, Parigi cede lo 0,72% ed Amsterdam perde lo 0,62%. Giù anche Zurigo che arretra dell’1,02% mentre Bruxelles contiene il calo allo 0,50%. Frazionale la caduta di Madrid -0,78%. Tiene Londra che limita la discesa allo 0,06%. Restano chiuse domani le borse di Francoforte, Madrid, Copenhagen, Helsinki, Stoccolma, Islanda. Tra le piazze che invece osserveranno un orario ridotto: Parigi, Bruxelles, Amsterdam e Londra.