L’euro torna nei bassifondi

18 Febbraio 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – E’ durata poco la rimonta della moneta unica europea nei confronti della divisa a stelle e strisce. Sono bastate alcune incoragginati statistiche statunitensi a far cambiare idea agli investiori, forse in precedenza spinti verso la divisa di eurolandia visto il forte deprezzamento registrato da inizio anno. L’ottimismo sulla ripresa economica americana è scaturito dalle statistiche sulla produzione manifatturiera. Il cross eur/usd sta trattando stamane a 1,356 dopo aver toccato ieri un massimo a 1,3786. In calendario oggi in Usa le richieste sussidi disoccupazione settimanali, i prezzi alla produzione, il leading indicator e l’indice Philadelphia Fed mentre domani sarà la volta dei prezzi al consumo.