L’euro si riaffaccia sugli 1,23 dollari

3 Giugno 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – La divisa di eurolandia accelera al rialzo durante le contrattazioni in Asia, lasciandosi alle spalle la decisione dell’Iran di mettere in vendita sul mercato 45 miliardi delle proprie riserve in euro per acquistare dollari e oro. Il cross eur/usd riconquista quota 1,23 in una giornata fitta di appuntamenti macroeconomci. In particolare in agenda ci sono in Europa il PMI servizi maggio e le vendite al dettaglio di aprile mentre in Usa si attendono gli occupati ADP di maggio, i sussidi alla disoccupazione settimanali, la produttività e costo lavoro rivista del 1° trimestre, gli ordini industria di aprile, l’Ism servizi di maggio e le scorte settimanali di greggio. Nel frattempo cresce l’attesa per le statistiche sul mercato del lavoro statunitense di domani. Continua ad indebolirsi lo yen nei confronti della divisa americana, dopo le dimissioni del premier giapponese, Yukio Hatoyama e le attese della nomina del successore, con alcune voci che indicano l’attuale vice premier e ministro delle finanze Naoto Kan, noto al mercato per essere a favore di una divisa debole. In particolare Kan avrebbe definito appropriato un livello del cambio a quota 95.