L’EURO ANCORA SOPRA LE 2000 LIRE CONTRO IL DOLLARO

28 Febbraio 2000, di Redazione Wall Street Italia

La moneta unica europea conferma ancora la sua debolezza nei confronti del dollaro, ma anche rispetto allo yen.

Alle 14,30 l’euro viene scambiato rispetto al biglietto verde a 0,9625 (ovvero 2001,3 lire).

La chiusura di venerdì scorso era stata di 0,9813 (1973 lire), ma questa notte sui mercati asiatici il tonfo con un cambio euro/dollaro a0,9390 (2062 lire) per poi aprire questa mattina a 0,9614 (2014 lire).

Secondo alcuni analisti il cambio nel lungo periodo potrebbe arrivare fino a 0,85 (2277 lire).

La Banca Centrale europea non sembra ipotizzare aumenti dei tassi; ma i Ministri Finanziari riuniti oggi a Bruxelles sono in attesa.

La strada che si delinea potrebbe essere quella di un aumento delle esportazioni grazie all’euro debole con conseguente beneficio per l’economia del vecchio continente.

Ma c’è sempre il timore dell’aumento dell’inflazione che potrebbe sballare i parametri dei singoli paesi rispetto a quelli stabiliti dall’Unione.

Il caro dollaro e l’aumento, anche oggi, del prezzo del petrolio, possono infatti innescare aumenti tali da spingere in alto l’inflazione e obbligare la Bce ad intervenire sui tassi per calmierare i prezzi.