L’Australia va verso riforma sistema creditizio

10 Dicembre 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – E’ tempo di riforme in Australia, che si appresta a varare l’attesissima riforma del sistema creditizio, dopo le polemiche sorte lo scorso mese a seguito degli aumenti dei tassi praticati da un cartello formato dalle quattro maggiori banche del Paese. A novembre, la Reserve Bank of Australia aveva deciso di aumentare il costo del denaro di 25 punti base, ma le quattro maggiori banche, rappresentanti circa il 90% del sistema creditizio australiano, avevano rialzato i tassi praticati sui mutui in misura più che proporzionale. Stando alle indiscrezioni avanzate da Marketwatch, il Ministro del Tesoro australiano, Wayne Swan, annuncerà domenica un progetto di riforma del settore bancario. La scarsa competizione, infatti, rischia di compromettere l’economia reale, con riflessi sul livello dei prezzi. L’obiettivo è dunque quello di favorire una maggiore liberalizzazione.