L’AUSTERITY DELL’EURO CREA ANARCHIA E TERRORISMO NEL SUD EUROPA

21 Dicembre 2009, di Redazione Wall Street Italia

C’e’ anche l’Italia tra i paesi periferici in un’analisi (di chiara impostazione di destra) in cui si sostiene che i diktat imposti dalla UE stanno provocando una reazione violenta di gruppi anarchici e terroristi nei paesi del Sud Europa che si affacciano sul Mediterraneo (Grecia, Italia, Spagna) chiamati con spregio Club Med.

L’autore dell’analisi e’ il solito opinionista anti-europeo e super-destro Ambrose Evans-Pritchard che in un editoriale sul Telegraph di oggi scrive chee i “diktat” dell’Unione Europea nei confronti del Sud Europa stanno provocando in reazione un clima di rabbia, anarchia e terrorismo.

“Il gruppo greco Lotta Rivoluzionaria ha fatto detonare un’auto-bomba a settembre alla Borsa di Atene”, scrive l’opininista inglese. “E alcune filiali di Citigroup sono finite nel mirino dei terroristi due volte quest’anno. Estremisti mascherati hanno attaccato il rettore dell’Universita’ di Atene nel suo ufficio mandandolo all’ospedale per le ferite”.

E a Milano il FAI (Federazione Anarchica Informale) ha messo 2 chili di dinamite la scorsa settimana all’Universita’ Bocconi, “simbolo del libero mercato in Italia”, scrive Evans-Pritchard. L’opinionista britannico scrive anche che “il FAI ha lasciato un volantino minacciando un bagno di sangue per i capitalisti, mentre le forze di polizia hanno emanato un alert per la Borsa di Milano e gli uffici di Unicredit e Barclays”.

Per i tuoi investimenti, segui il feed in tempo reale di Wall Street Italia INSIDER. Se non sei abbonato, fallo subito: costa solo 0.77 euro al giorno, provalo ora!

“Gli italiani – si legge nell’articolo di Evans-Pritchard – hanno cominciato a chiedersi se il loro paese stia tornando agli anni ’70, gli ‘anni di piombo’, quando le Brigate Rosse uccisero l’ex premier Aldo Moro. Il FAI non e’ neppure un amico dell’Europa. Ha inviato bombe-lettera negli anni scorsi ai capi delle Commissioni del Parlamento Europeo e della BCE”.

“L’Italia balzera’ su e giu’ lungo una depressione permanente” e’ l’opinione del Telegraph, “come ha fatto per un decennio (accusa indiretta a Silvio Berlusconi, in carica come premier per 9 anni su 11?). “Il paese ha gia’ perso il 30% in competitivita’ del lavoro rispetto alla Germania dalla fine degli anni Novanta”, scrive Evans-Pritchard.

Lo scenario e’ destinato a peggiorare, secondo il giornalista inglese. “All’Europa del Sud e’ stato ordinato di applicare un’austerita’ in stile FMI (Fondo Monetario Internazionale) senza pero’ poter applicare le svalutazioni richieste per rettificare gli enormi sbilanci che si sono accumulati tra nord e sud con l’euro”.

“Il sistema europeo ha di fatto condannato i paesi del Club Med alla depressione strutturale – scrive brutalmente Evans-Pritchard – senza alcuna via d’uscita. La logica, anche se politicamente assurda, risposta del Cancelliere tedesco Angela Merkel e’ di cominciare a parlare della possibilita’ di sovrapporsi e supervisionare tutte le democrazie nazionali con l’obiettivo di salvare l’euro”.

La Germania ancora “uber alles” nei confronti dei paesi “periferici” del malandato Impero Europeo ormai allo sbando per le indiscipline dei membri mediterranei? Bhe’, l’articolo del Telegraph e’ scritto da un giornalista super-conservatore, voce della destra di un paese che e’ fuori dall’euro, dunque – come dire – e’ da prendersi con le molle, anche se contiene parti di verita’.