L’Asia estende i rialzi. Migliora l’outlook per gli esportatori.

30 Agosto 2011, di Redazione Wall Street Italia

Bangkok – Listini asiatici in rialzo per il quarto giorno di fila, trascinati dalla buona chiusura di Wall Street, dalle notizie sulla fusione di due banche greche e dai dati sulla vendita di auto e sulla spesa dei consumatori americani. Eurodollaro a $1,4501.

Migliora l’outlook per gli esportatori della regione visto che ci si attendono maggiori spedizioni verso gli Stati Uniti, il mercato più grande per i produttori asiatici d’auto, d’abbigliamento e di elettronica. In rialzo i grandi marchi automotive del Giappone, come Toyota e Honda, e dell’elettronica sudcoreani, quali Samsung.

Il maggiore appetito per il rischio supporta l’euro, che recupera così terreno contro il franco svizzero. In rialzo anche gli energetici. Tuttavia, gli investitori sembrano rimanere ancora cauti per il futuro e attendono segnali più decisi per capire se la ripresa è effettivamente in corso. Attesa dunque per i dati di venerdì sull’occupazione Usa, dati che potrebbero indicare le prossime mosse della Fed.

Asia: indice Dow Jones Asian Titans della regione in rialzo dell’1,05%. Nikkei (+1,16% in chiusura), Seul (+0,8%), Sydney (+0,13%), Hong Kong (+1,93%), Shanghai (+0,38%).

In generale rialzo le principali commodities, bene sia gli energetici che i metalli. In leggero calo solo il gas naturale. Wti ($87,61, +0,39%), Brent ($112,26, +0,34%), oro ($1.797,1, +0,31%), argento ($40,54, -0,01%), rame ($4,125, +0,88%).

Nel valutario, euro a $1,4501 (-0,08%) contro il dollaro. Moneta unica contro lo yen giapponese a ¥111,34 (-0,18%), contro il franco svizzero a CHF1,1856 (+0,12%). Dollaro yen a ¥76,79 (-0,08%).

Futures sull’indice S&P500 poco variati, in calo di 0,75 punti (-0,06%) a 1.207,25. Rendimenti dei Treasury a 10 anni in calo di 3pb al 2,225%.

“I segnali di una ripresa del mercato e dell’economia sembrano essere nell’aria, dopo che un mese turbolento sembra ormai volgere al termine”, ha detto al Wall Street Journal Ben Le Brun, analista di mercato per CMC Markets a Sydney. “Ma negli Stati Uniti la settimana sembra ancora ricca di appuntamenti, con i dati sull’occupazione attesi per venerdì. Dunque, sebbene il tono del mercato sembri migliorare, sarà meglio operare ancora con cautela”.

“L’andamento del mercato riflette un miglioramento del sentiment, dopo i sell delle ultime settimane”, ha detto a Bloomberg Jason Teh, di Investors Mutual Ltd. “Se prima i dati economici dagli Stati Uniti indicavano un deterioramento, ora sono leggermente migliori, e questo è incoraggiante. Sebbene non riesca a ricordare società con previsioni rosee, tutto sommato questa stagione degli utili è stata soddisfacente”.