L’allarme dei dottori sul nuovo trend Sextasy: “miscelare il Viagra può causare la morte”

17 Febbraio 2014, di Redazione Wall Street Italia

NEW YORK (WSI) – Molti medici stanno avvisando sui pericoli che può causare il Viagra, soprattutto in caso di abusi e, in particolare, quando viene miscelato con sostanze stupefacenti come, ad esempio, l’ecstasy, per migliorare una sensazione di euforia.

Il Daily Mail ha sottolineato come durante il periodo di San Valentino l’incremento delle vendite del Viagra sia stato +25% e che
gli scienziati della University of New South Wales di Sydney stanno lanciando ripetuti avvertimenti sulla nuova tendenza “Sextasy”, che consiste nel fare un mix tra Viagra e stupefacenti, in particolare l’ecstasy.

La miscelazione dei due prodotti sarebbe in grado di attivare ciò che è nota come “sindrome serotoninergica”. Si tratta di un’interazione potenzialmente grave che si verifica quando troppa serotonina si accumula nel corpo.

Anche se la serotonina è spesso definita come “l’ormone della felicità”, il suo eccesso può comunque causare confusione, disorientamento, allucinazioni e tremori. Nei casi più gravi può addirittura portare a crisi epilettiche, ad un battito cardiaco irregolare o anche al coma.

Le vendite del Viagra sono aumentate di anno in anno da quando è stato approvata la vendita con prescrizione nel 1998 dalla US Food and Drug Administration; i suoi consumatori non sono più solo anziani signori, ma anche ragazzi.

Tornando alla combinazione Viagra+ecstasy che, in alcuni casi, può risultare mortale, il dottor Marilyn K. Volker, sessuologo della American Academy of Clinical ha dichiarato: “Il Viagra e i nitrati non devono mai essere utilizzati insieme, alcune persone sono morte facendolo”.

Raymond Francis invece, consulente di psicologia sessuale presso la Harley Street Clinic a Londra, ha riferito che ogni mese cura circa 15 giovani, di età media di 32 anni, diventati dipendenti dal Viagra, allo scopo di migliorare le loro prestazioni sessuali: “Penso che questo sia solo un piccolo campione rappresentativo del problema. Questi uomini non hanno problemi fisici che potrebbero causare difficoltà erettili, però sentono il bisogno di farne uso, perché ripongono troppe aspettative su loro stessi”.