Kerry: “Dollaro, a rischio status valuta riserva del mondo”

12 Agosto 2015, di Redazione Wall Street Italia

ROMA (WSI) -.John Kerry lancia l’alert su quelle che sarebbero le conseguenze, per gli Stati Uniti, se il Congresso Usa decidesse di rifiutare l’accordo sul nucleare che le potenze mondiali hanno raggiunto con l’Iran. Intervistato da Reuters, Kerry ha affermato che il no del Congresso sarebbe “la ricetta, amici miei, per siglare la fine del dollaro americano come valuta di riserva del mondo”.

Il punto è che “il pensiero che si possa mancare di rispetto verso l’accordo e fare retromarcia sull’accordo, come il Congresso vuole fare, avrà un impatto profondamente negativo su come la gente interpreterà la leader e la credibilità dell’America”. (Lna)