JPMorgan Chase n.1 in speculazione: asset rischiosi per $100 miliardi

18 Maggio 2012, di Redazione Wall Street Italia

New York – Sotto accusa per il buco da almeno $2 miliardi dichiarati la scorsa settimana dai vertici ci JPMorgan Chase, direttamente dal chief executive officer James Dimon, adesso emergono nuovi dettagli. La banca Usa avrebbe oltre $100 miliardi in asset-backed Securities (ABS) e altri prodotti strutturati, strumenti al centro della crisi finanziaria del 2008.

Si tratta di prodotti complessi e rischiosi acquistati in vari mercati negli ultimi tre anni, ma il Financial Times, che riporta la notizia, non dice se si tratti o meno di posizioni non protette da hedging. Il portafoglio dovrebbe essere separato dagli altri derivati che hanno portato alla recente perdita. La somma degli strumenti “non-vanilla” dovrebbe superare i $150 miliardi.

Nella giornata di ieri il titolo di JPMorgan ha chiuso in calo di $1,53, con una variazione -4,3%, a $33,93. Solo nei cinque giorni successivi all’annuncio della perdita di almeno $2 miliardi, il titolo aveva perso -16,7%.

LEGGERE ANCHE:

Caso JPMorgan Chase: perdita potrebbe raggiungere i $3 miliardi

JPMorgan Chase: azionisti denunciano la banca per la maxi perdita di $2 miliardi

JPMorgan Chase: a Londra i trader responsabili del buco da $2 miliardi

JPMorgan Chase annuncia all’improvviso un buco di $2 miliardi