JP Morgan Chase: la perdita sui derivati sale a $9 miliardi

28 Giugno 2012, di Redazione Wall Street Italia

Roma – Le perdite sofferte da JP Morgan a causa dei suoi investimenti speculativi legati ai derivati, annunciate lo scorso 10 maggio, potrebbero essere ben superiori ai $2 miliardi inizialmente resi noti (ma nei giorni successivi già si parlava di un buco salito a $3 miliardi).

Secondo indiscrezioni riportate dal New York Times, il colosso di Wall Street guidato dall’amministratore delegato Jamie Dimon potrebbe infatti aver registrato un rosso decisamente superiore, pari a ben $9 miliardi. I mercati reagiscono nervosamente alla notizia e l’azionario europeo, già alle prese con l’incertezza sul summit del Consiglio europeo che inizierà oggi per concludersi nella giornata di domani, puntano con decisione verso il basso dopo la notizia. Penalizzati soprattutto i bancari, che risentono anche della tensione sui titoli di stato.

Finanza leggera: in queste due parole si riassume il comportamente di JP Morgan, il cui caso dimostra quanto le banche siano tuttora irresponsabili, e come non abbiano imparato nulla dalla grave crisi finanziaria e poi economica scoppiata nel 2007-2008, oggi giunta quasi al quinto anno. I derivati in questione sono denominati “synthetic credit securities”.

La cifra di $9 miliardi sarebbe contenuta in un rapporto interno alla banca compilato nel mese di aprile; dunque per ora nulla è ufficiale. Ma lo stesso numero uno Dimon aveva previsto che le perdite avrebbero potuto raddoppiare nei trimestri successivi. Trader e dirigenti della banca hanno dichiarato al New York Times che il colosso sta cercando di smobilizzare le posizioni investite negli asset più volatili, al fine di riparare al danno. La verità sulla cifra si conoscerà il prossimo 13 luglio, quando saranno comunicati i risultati relativi al secondo trimestre di JP Morgan.

Intanto, il caso indubbiamente tornerà ad alimentare il dibattito sull’eccessivo potere di questi colossi che controllano la finanza mondiale. E sicuramente sferrerà un ennesimo duro attacco alla credibilità di Dimon.

JPMorgan Chase annuncia all’improvviso un buco di $2 miliardi.

JPMorgan Chase: azionisti denunciano la banca per la maxi perdita di $2 miliardi.

JPMorgan Chase n.1 in speculazione: asset rischiosi per $100 miliardi.