Italiani continuano a soffrire: fiducia consumatori ai minimi dal 2009

29 Agosto 2011, di Redazione Wall Street Italia

Roma – La debolezza dei consumi a livello pro capite, complice il biennio di crisi 2008-2009, lascia prevedere un rallentamento generalizzato dell’uscita dalla crisi tanto che, a fine 2011, ben 17 regioni su 20 rischiano di registrare un livello di consumi inferiore a quello del 2000.

E’ quanto rileva Confcommercio, sottolineando che in una prospettiva di più lungo periodo, nel 2017, il Mezzogiorno avrà acuito il suo ritardo con una continua riduzione della spesa per consumi rispetto al totale nazionale. Confermata, dunque, la debolezza del Sud, solo il Nord-Est recupera i livelli pre-crisi.

E intanto l’Istat comunica che crolla ai minimi da marzo 2009 la fiducia dei consumatori italiani ad agosto. L’indice calcolato dall’agenzia si e’ attestato a 100,3 punti, in forte calo dai 103,7 di luglio, e ben sotto i 102 punti previsti mediamente dagli analisti. La flessione, diffusa a tutte le componenti, e’ particolarmente marcata per il clima economico, il cui indice diminuisce da 74,9 a 70,0. La fiducia sulla situazione personale scende da 118,8 a 116,2 .