ITALIA: VENDITE AL DETTAGLIO, +2,5% A LUGLIO 2000

28 Settembre 2000, di Redazione Wall Street Italia

Le vendite al dettaglio sono cresciute a luglio 2000 del 2,5% rispetto allo stesso mese del 1999.

L’aumento è dovuto alla grande distribuzione che ha segnato una crescita pari al 3,3% sull’analogo periodo dello scorso anno, mentre per le imprese operanti su piccole superfici si è verificato un aumento del 2,3%.

Le vendite di prodotti alimentari sono aumentate del 2,3% su luglio 1999, quelle di prodotti non alimentari del 2,6%.

Per entrambe le categorie, la crescita è risultata più elevata nella grande distribuzione (rispettivamente +3,2% e +3,4%) rispetto alle imprese operanti su piccole superfici (rispettivamente +1,9% e +2,5%).

Più in generale, il gruppo di prodotti caratterizzato dall’aumento più elevato rispetto a luglio 1999 è stato abbigliamento e pellicceria (+5,4%), seguito dal gruppo mobili, articoli tessili, arredamento (+4,9%) e radio, tv, registratori, informatica (+3,7%).

La flessione più elevata ha caratterizzato il gruppo cartoleria, libri, giornali, riviste (-1,3%).

Nei primi sette mesi dell’anno le vendite hanno segnato un aumento dell’1,4% rispetto allo stesso periodo 1999; si è verificato un aumento del valore delle vendite totali, rispetto allo stesso periodo del 1999, pari all’1,4%.

Da gennaio a luglio 2000, il maggiore incremento rispetto allo stesso periodo dello scorso anno si è avuto per i prodotti farmaceutici (+2,7%).

Gli unici gruppi caratterizzati da flessioni sono stati supporti magnetici, strumenti musicali (-0,5%), gli altri prodotti (-0,2%) e cartoleria, libri, giornali, riviste (-0,1%).