Italia, sempre più preda della finanza mondiale

19 Novembre 2013, di Redazione Wall Street Italia

ROMA (WSI) – L’Italia? Un Paese sempre più avvolto nella politica e preda della finanza internazionale e, parallelamente, sempre più “giardino del mondo”, fatto per la buona cucina, fare vacanze e divertirsi, ma non per lavorare e, meno che mai, se si è giovani. E per un italiano su due la ripresa resta un miraggio: per il 50,7% “ce la faremo”, mentre per il restante 49,3% “Non riusciremo a risalire la china”.

E` quanto emerge da una Ricerca condotta dal Club dell`Economia in collaborazione con il Censis, presentata nel corso del dibattito “Vendesi Italia?” avvenuto all’Abi in occasione della consegna a Elsa Fornero del Premio Ezio Tarantelli 2013 per la miglior idea economica dell`anno.

Per ragioni diverse i più ottimisti sono gli anziani oltre 65 anni (il 64% ritiene che usciremo dalla crisi ) ed i giovani con meno di 34 anni (dove i fiduciosi salgono al 62%). Per i primi, secondo il Club dell`Economia ed il Censis – giocano le sicurezze, pensionistiche e patrimoniali, della generazione più avanti negli anni ; per i secondi si conferma una certa svolta nelle giovani generazioni, decise -in Italia o all`estero – a giocarsi attivamente la propria vita. E` un buon viatico per evitare di dover prevedere che in futuro potremo anche rimpiangere questi anni. (TMNEWS)