ITALIA PRIMA IN EUROPA PER EVASIONE FISCALE

17 Agosto 2008, di Redazione Wall Street Italia

E’ l’Italia il paese europeo con la più alta evasione fiscale, con il 48% del reddito imponibile che non viene dichiarato al fisco. A rilevarlo un’indagine su un campione di 1.500 cittadini condotta da Contribuenti.it, associazione contribuenti italiani. Secondo l’indagine i principali evasori sono industriali (32%), bancari e assicurativi (28%), seguiti da commercianti (12%), artigiani (11%), professionisti (9%) e lavoratori dipendenti (8%). L’evasione è diffusa soprattutto al Sud (34,5% del totale nazionale), seguito dal Nord Ovest (26,5%), dal Centro (20,1%) e dal Nord Est (18,9%).

Il 44% di chi non paga le tasse «lo fa per insoddisfazione verso i servizi pubblici erogati dallo Stato o la scarsa cultura della legalità, il 36% per la complessità delle norme e soltanto il 20% per la scarsità dei controlli».

Dall’indagine è inoltre emerso che «solo un cittadino su cinque – afferma Vittorio Carlomagno presidente di Contribuenti.it – sa perché paga le tasse, mentre quattro su cinque si considerano sudditi di un’amministrazione finanziaria troppo burocratizzata, che non eroga i servizi sociali dovuti, violando i diritti dei contribuenti».

Leggere anche:
FISCO: BERETTA, STRAVAGANTI I DATI SU EVASIONE INDUSTRIALI

Copyright © Il Messaggero. Riproduzione vietata. All rights reserved

parla di questo articolo nel Forum di WSI