ITALIA: PIL 2008 RIVISTO A -1%, IL PEGGIORE DAL 1975

12 Marzo 2009, di Redazione Wall Street Italia

ROMA (Reuters) – L’Italia chiude il 2008 con un Pil in calo dell’1% rispetto al +1,5% del 2007, rende noto Istat. Il dato è stato rivisto lievemente al ribasso dal -0,9% indicato con la stima preliminare. Nel quarto trimestre il Pil è sceso dell’1,9% (rivisto da -1,8%) sui tre mesi precedenti dal -0,7% del terzo trimestre (rivisto da -0,6%). Sempre nel quarto trimestre dell’anno, il Pil è sceso del 2,9% su base annua (dato rivisto da -2,6%), che si confronta col -1,3% del trimestre precedente, rivisto da -1,1%.

Sopravvivere non e’ sufficiente: ci sono sempre grandi opportunita’ di guadagno. Hai mai provato ad abbonarti a INSIDER? Costa meno di 1 euro al giorno. Clicca sul
link INSIDER

In termini annui il dato sul Pil segna il risultato peggiore dal 1975. Il calo congiunturale segna in particolare il risultato peggiore da almeno l’inizio delle serie storiche nel 1980. Il Pil acquisito per il 2009, ovvero l’effetto di trascinamento dal 2008 sull’anno in corso, è pari a -1,9%.