Italia: il Coronavirus arrivato in una valigetta dalla Cina

23 Febbraio 2020, di Leopoldo Gasbarro

Cominciamo dalla PAURA o dai NUMERI VERI? E’ qualche giorno che facendo riferimento alla piattaforma Hopkins sto cercando di evidenziare ciò che sta accadendo nel Mondo con l’epidemia di Coronavirus. Questa l’ultima fotografia:

 

In tutto il Mondo ci sono:   78.823  contagiati

                                                    2.462  deceduti

                                                23.355  guariti

Continuo ad evidenziare il numero dei guariti perché molti “straordinari colleghi” continuano a dimenticarlo.

Oltretutto dal mio precedente articolo di ieri la situazione è cambiata in questi termini:

                                                     +905 contagiati

                                                     +101 deceduti

                                                +2.105 guariti

E’ evidente come il numero delle persone che guarisce sia in crescita e di parecchio rispetto a quello dei contagiati.

Le cose, invece, sembrano andare nella direzione opposta per il nostro Paese, che, infatti, sta scalando la classifica di sinistra, quella con i numeri rossi che contano i contagiati.

E queste sono le dolenti note.

Da ieri l’Italia è stata messa in stato d’assedio o almeno, una parte dell’Italia, si trova in queste condizioni. Di fatto per le zone a rischio, vige uno “stato di polizia”.

Basta leggere il testo del Decreto Legge approvato ieri nella riunione straordinaria del Consiglio dei Ministri per comprendere la straordinarietà del momento. 

Il testo integrale è al link:

In realtà basta soffermarsi all’articolo 1 del DL per afferrarne la filosofia di fondo:

Art. 1

1-Allo scopo di evitare il diffondersi di epidemie, nei comuni o nelle aree nei quali risulta positiva almeno una persona per la quale non si conosce la fonte di trasmissione o comunque nei quali vi è un caso non riconducibile ad una persona proveniente da un’area già interessata dal contagio di virus, le autorità competenti sono tenute ad adottare ogni misura di contenimento adeguata e proporzionale all’evolversi della situazione epidemiologica.

Ma, ci chiediamo noi, perché queste “misure” non sono state adottate prima che il virus cominciasse a farsi “notare” in Italia? Vedremo cosa accadrà nelle prossime settimane anche nei Paesi a noi più vicini, ma la sensazione che da noi ci sia stata più di qualche falla nell’applicazione dei controlli relativamente alla malattia, è molto forte.

Anche dall’estero l’attenzione sul nostro Paese è molto alta. Questo è il titolo della pagina web di Bloomberg uno dei canali finanziari più importanti al Mondo ( https://www.bloomberg.com/news/articles/2020-02-22/italy-to-ban-travel-for-certain-virus-affected-areas-conte-says)

Italy Virus Cases Jump Even After Lockdown in North

“I casi di contagio in Italia crescono anche dopo il blocco del Nord”.

Alcuni passaggi di quest’articolo, che riportiamo tradotti, sono particolarmente significativi:

“Quando i medici sono infetti significa che non sono state messe in atto le pratiche giuste, a parte il fatto che il virus è molto contagioso”, ha detto al quotidiano La Stampa Walter Ricciardi, membro del consiglio esecutivo dell’Organizzazione mondiale della sanità. Ricciardi ha anche criticato il governo per il divieto di voli da e per la Cina, affermando che le autorità hanno impedito di rintracciare gli arrivi poiché i viaggiatori potevano usare gli scali per raggiungere l’Italia…

…Il rapido numero di nuovi casi in meno di una settimana e l’incapacità dell’Italia di arginare la diffusione di un paziente ricoverato alimentano i timori di un più ampio contagio.

Insomma, la situazione oggi sembra essersi complicata proprio per l’incapacità di intervenire per tempo nel controllare i ritorni dalla Cina. Ed è dalla Cina che il virus è stato importato. Eppure si sapeva delle forti connessioni commerciali tra Italia e Cina. Verso quella zona del Mondo esportano moltissime aziende italiane, da quella zona del Mondo arrivano molti prodotti che poi vengono venduti in Italia. Insomma proprio la capacità di esportare (beni, prodotti e lavoro) del nostro Paese potrebbe aver determinato la situazione che stiamo vivendo.

Eppure sarebbe bastato poco.

Censire le aziende che hanno scambi commerciali con la Cina sarebbe stato velocissimo, così come avere, da queste, gli elenchi delle persone che erano in Cina nel periodo a rischio e, di conseguenza “controllare” il loro rientro in Italia.

Ma bisogna pensarci.

E non è un caso che i territori più colpiti siano proprio quelli più produttivi: Lombardia, Veneto, Piemonte, Emilia. Questa può rappresentare la conferma di come il virus si sia spostato sulle rotte commerciali rinchiuso nelle valigette di manager che potevano e dovevano essere controllati.

Tutto questo avrà ripercussioni importanti anche sull’economia, soprattutto sull’economia del nostro Paese, un Paese già indebolito da anni di mancata crescita e di pressione fiscale insostenibile.

Le aziende si stanno fermando. I territori colpiti, come detto, sono proprio quelli più produttivi. Il blocco delle produzioni peserà notevolmente sui conti pubblici già in forte difficoltà. Attenzione che l’Italia non diventi il MALATO d’Europa e non il Paese europeo con più contagiati.

Ma come spesso accade dalle situazioni di crisi spesso si riparte più forti. L’Italia, gli italiani lo hanno dimostrato in mille occasioni. Ma gli aiuti potrebbero arrivare anche dall’esterno. Proprio dai massimi vertici dell’OECD fanno sapere che è arrivato il momento di ridare fiato all’economia europea con fortissimi stimoli fiscali.

Che il Coronavirus possa determinare anche la fine dell’austerity imposta per anni dalla triste Germania?

Se così fosse, in un quadro fosco e tutto da decifrare, insieme ai numeri di apertura di quest’articolo, avremmo anche una luce in più per guardare al futuro con un pizzico di serenità.