ITALIA, I PREZZI DELLE CASE CALERANNO TRA 10% E 20%

8 Ottobre 2008, di Redazione Wall Street Italia

In molte economie avanzate i prezzi delle case continueranno la ‘correzione al ribasso’ già peraltro avviata nell’ultimo anno: in media, nel giro dei prossimi 2-4 anni, i prezzi potrebbero scendere di circa il 25%. A sostenerlo è il Fondo Monetario Internazionale in un’ analisi ‘ad hoc’ sulla situazione del mercato immobiliare globale contenuta nel World Economic Outlook (Weo) reso noto oggi. Secondo le stime dell’Fmi, l’Italia – come la Francia, l’Olanda e la Spagna – ha registrato un aumento nei prezzi delle case, non giustificato da fattori fondamentali di crescita economica del Paese e del reddito dei suoi abitanti, tra il 10% ed il 20%. E questa stessa percentuale è la misura della correzione che – a detta del Fondo – dovrebbe avvenire nei prossimi anni.

Gli Stati Uniti invece, dove il calo del mercato immobiliare e già iniziato nel 2006, avrebbero davanti a loro una ulteriore correzione ben più bassa, pari cioé a circa il 7%. Secondo l’Fmi, i Paesi in cui l’impennata nei costi delle case è stata “più ingiustificata” sono Australia, Regno Unito, Irlanda: per queste nazioni la correzione potrebbe avvenire addirittura nella misura del 30%.