ITALIA: E’ BOOM DEL GIOCO ONLINE

25 Settembre 2009, di Redazione Wall Street Italia

In Italia il mercato del gioco ha prodotto nel 2008 un giro d’affari di 48 miliardi di euro (+13% rispetto al 2007) e pari al 2,7% del Pil. Una crescita trainata dal gioco on line che nel 2008 ha raccolto 1,5 miliardi di euro (+45% rispetto al 2007). Dal 2006 al 2008, il numero dei principali player sul mercato e’ passato da 9 a 16 e la spesa pro-capite complessiva per il gioco on line e’ cresciuta da 620 a 790 euro, posizionando l’Italia tra i primi Paesi al mondo per propensione al gioco.

Sul fronte dell’illegalita’ e’ la legge Comunitaria, articolo 24, che delinea la strategia per combattere tutte le forme di gioco a distanza non autorizzato dai Monopoli. Un articolo che ha gia’ forza di legge ma non una applicazione effettiva, visto che deve essere perfezionato da un provvedimento direttoriale dei Monopoli (Aams).

Il provvedimento sarebbe pronto per l’invio a Bruxelles. La legge prevede la subregistrazione telematica nel sistema centrale dei Monopoli, l’esclusione dei consumatori residenti in Italia di giochi gestiti in siti diversi da quelli dei concessionari, un maggiore potere ispettivo per Aams, il divieto di intermediazione per scommettere con un conto gioco che non sia il proprio. Introdotto anche un apparato sanzionatorio: reclusione da sei mesi a tre anni per chi organizza, esercita e raccoglie a distanza, senza la concessione i giochi del portafoglio Aams.

Per i concessionari che faranno gioco online in maniera differente dalle modalita’ tecniche da quelle previste dalla legge c’e’ l’arresto da tre mesi a un anno o un’ammenda da 500 a 5.000 euro.