Italia, cosa cambierà per gli investitori? Risposta: niente

18 Febbraio 2014, di Redazione Wall Street Italia

ROMA (WSI) – Ci sono buone ragioni perchè gli investitori in Italia ignorino il cambiamento di leadership al governo. E’ quanto si legge nel commento apparso oggi sul Financial Times nella colonna dedicata ai mercati.

Innanzitutto perchè “Renzi è il 62esimo premier in 68 anni”; in secondo luogo perchè “ha lo stesso sostegno politico, o la stessa carenza di sostegno politico, del suo predecessore, Enrico Letta”.

E come Letta, e Mario Monti prima di lui, non è stato eletto e le “sue prospettive di avviare grandi riforme sono certamente limitate dall’assenza di sostegno popolare e parlamentare, sebbene questo non gli abbia impedito di presentare un ambizioso programma”.

In terzo luogo, chi investe in Italia deve ricordare che “le prospettive di investimento si sviluppano a seguito di quanto accade fuori dall’Italia”. Il Ft sottolinea quindi che “la direzione economica del Paese è monitorata da Bruxelles (leggi: Berlino) e il suo settore bancario e i rendimenti dei titoli dalla Banca centrale europea”. E le aste dei titoli sono andate bene negli ultimi anni, evidenzia il quotidiano.

Quindi, conclude, “gli investitori non si aspettano molto da Renzi, il che rende più facile per lui sorprendere piacevolmente i mercati. Purtroppo, sia la politica che la storia sono contro di lui”. (TMNEWS)