ITALIA: CONFINDUSTRIA, ”CRESCIAMO POCO”

13 Dicembre 2000, di Redazione Wall Street Italia

Il Centro studi di Confindustria ha presentato le sue stime sulla crescita in Italia nei prossimi anni. Ecco in pillole qualche passaggio.

Prodotto interno lordo. Confindustria stima una crescita del 2,7% quest’anno, del 2,5% nel 2001 e del 2,4% nel 2002. Oltre al rallentamento il Centro studi sottolinea il differenziale di crescita con gli altri paesi della zona euro: a fine 2000 la zona euro registrerà un aumento del 3,3%.

Rapporto deficit-pil. Per Confindustria nel 2000 sarà pari all’1,7%, rispetto all’obiettivo del governo a 1,3%, rivedibile all’1,5%. Per il 2001 è previsto l’1,6%.

Inflazione. Per il 2000 Confindustria attende un tasso medio del 2,5%. Nel 2001 i prezzi saliranno in media del 2,2%, mentre nel 2002 la crescita sara’ dell’1,8%. La stima si basa sull’ipotesi di un ritorno del prezzo del petrolio attorno ai 28 dollari al barile e di un graduale apprezzamento dell’euro nel corso del 2001.

Disoccupazione. E’ attesa in calo al al 10,7% nel 2000, al 10,3% nel 2001 e al 9,9% nel 2002.