Italease, Consob determina prezzo OPA obbligatoria su Banco Popolare

4 Marzo 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – La Consob ha fissato in 0,797 euro per ogni azione il corrispettivo per l’adempimento dell’obbligo di acquisto, ai sensi dell’art. 108, co. 2 del Tuf, delle azioni ordinarie Banca Italease spa da parte di Banco Popolare Soc. coop. Lo si legge in una nota. A seguito dell’offerta pubblica di acquisto volontaria promossa nel periodo 14 maggio – 1° luglio 2009 e all’esito della sottoscrizione, avvenuta l’8 gennaio 2010, di nuove azioni Banca Italease emesse nell’ambito dell’aumento di capitale, infatti, Banco Popolare è venuto a detenere una partecipazione complessivamente pari al 91,397% nel capitale ordinario di Banca Italease, dal che è conseguito l’obbligo di acquisto delle restanti azioni della società. Tenuto conto degli elementi informativi trasmessi dall’offerente e dell’attestazione fornita dalla società di revisione, nella determinazione del corrispettivo, effettuata ai sensi dell’art. 50, comma 4 del regolamento emittenti, è stato attribuito un peso limitato (20%) al prezzo dell’offerta precedente (1,50 euro, corretto in 0,616 euro tenuto conto degli effetti dell’aumento di capitale) in considerazione sia del giudizio espresso dal mercato sia del tempo intercorso. Al parametro del prezzo medio di mercato dell’ultimo semestre è stato attribuito un peso rilevante (50%), in considerazione della consistenza degli scambi. Un peso del 30%, infine, è stato attribuito al parametro del patrimonio a valore corrente. Il parametro dell’andamento e delle prospettive reddituali non è stato determinato a causa dell’assenza di un piano industriale approvato dai competenti organi amministrativi e dell’andamento negativo dell’emittente. La Commissione ha contestualmente consentito la pubblicazione del documento informativo relativo all’obbligo di acquisto delle azioni Banca Italease da parte di Banco Popolare. L’offerta ha ad oggetto 159.362.216 azioni ordinarie, che rappresentano l’8,603% del capitale dell’emittente. L’operazione si inserisce nel progetto di ristrutturazione e di riorganizzazione di Banca Italease ed è finalizzata al delisting dell’emittente, come dichiarato dall’offerente all’atto del lancio dell’opa volontaria e confermato con il comunicato diffuso lo scorso 12 gennaio. Qualora all’esito della procedura di adempimento dell’obbligo di acquisto non venga raggiunta una soglia almeno pari al 95%, Borsa Italiana disporrà la revoca dalla quotazione delle azioni ordinarie Banca Italease a decorrere dal 1° aprile 2010. Nell’ipotesi in cui la soglia del 95% dovesse essere superata avrebbe luogo la procedura di cui all’articolo 108, comma 1 del Tuf (squeeze out e contestuale obbligo di acquisto, al medesimo prezzo di 0,797 euro); in tal caso i titoli Banca Italease saranno sospesi e revocati dalla quotazione a partire dall’8 aprile 2010. Il periodo di adesione alla presente offerta avrà inizio l’8 marzo 2010 e terminerà il successivo 26 marzo, a condizione che nel documento d’offerta siano inseriti i dati relativi al prezzo, al controvalore complessivo dell’operazione ed alle garanzie. Nel paragrafo “Avvertenze” del documento d’offerta sono riportati gli elementi essenziali dell’operazione, unitamente agli elementi utili per la valutazione dell’offerta.