Istat, tasso disoccupazione ai massimi da gennaio 2004

30 Novembre 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – Il numero di occupati a ottobre 2010 (dati destagionalizzati) risulta sostanzialmente stabile rispetto a settembre e diminuisce dello 0,1 per cento rispetto a ottobre 2009. Il tasso di occupazione, pari al 57,0 per cento, risulta invariato rispetto a settembre e in riduzione di 0,1 punti percentuali rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Lo comunica l’istat. Il numero delle persone in cerca di occupazione risulta in aumento del 4,5 per cento rispetto ad settembre, e del 5,7 per cento rispetto a ottobre 2009. Il tasso di disoccupazione, pari all’8,6 per cento, è in aumento di 0,3 punti percentuali rispetto a settembre; in confronto a ottobre 2009 il tasso di disoccupazione registra un aumento di 0,4 punti percentuali. Si tratta del livello più alto da gennaio 2004. Il tasso di disoccupazione giovanile è pari al 26,2 per cento, con una diminuzione di 0,4 punti percentuali rispetto al mese precedente e di un punto percentuale rispetto a ottobre 2009. Il numero di inattivi di età compresa tra 15 e 64 anni a ottobre 2010 diminuisce dello 0,4 per cento rispetto a settembre, mentre registra un aumento di pari intensità rispetto a ottobre 2009. Il tasso di inattività, pari al 37,7 per cento, è in calo rispetto al mese precedente (-0,2 punti percentuali) e invariato rispetto a ottobre 2009.