ISTAT: nel primo semestre scende deficit/pil

4 Ottobre 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – – Nel secondo trimestre 2010 emerge che l’indebitamento netto delle AP in rapporto al Pil è stato pari al 3,6% (era stato pari al 3,4% nel corrispondente trimestre del 2009). Complessivamente, nel primo semestre 2010 si è registrato un indebitamento netto pari al 6,1% del Pil, in riduzione rispetto al valore del 6,3% registrato nel primo semestre del 2009. Lo rileva l’ISTAT. Il saldo primario (indebitamento al netto degli interessi passivi) è risultato positivo e pari a 5.804 milioni di euro (più 6.593 milioni di euro nel corrispondente trimestre del 2009), con una incidenza positiva sul Pil dell’1,5% (più 1,7% nel corrispondente trimestre del 2009). Nei primi sei mesi del 2010 il saldo primario rispetto al Pil risulta negativo e pari all’1,5%, valore identico a quello registrato nello stesso periodo dell’anno precedente. Nel secondo trimestre 2010, il saldo corrente (risparmio) è risultato negativo e pari a 4.952 milioni di euro (meno 3.975 milioni di euro nel corrispondente trimestre dell’anno precedente). L’incidenza sul Pil è pari a meno 1,3% (meno 1,0% nel corrispondente trimestre del 2009). Complessivamente nei primi sei mesi dell’anno 2010 il saldo corrente in rapporto al Pil è negativo e pari al 3,7% (era pari a meno 3,4% nel primo semestre 2009). Nel secondo trimestre 2010 le entrate totali sono diminuite in termini tendenziali dell’1,8 per cento, a fronte di una diminuzione dell’1,6 registrata nello stesso periodo dell’anno precedente (Tabella 2); in tale periodo il rapporto tra le entrate totali e il Pil è stato pari al 44,7 per cento, rispetto al 46,5 per cento del secondo trimestre 2009. Nel primo semestre 2010 le entrate totali risultano diminuite dello 0,8 per cento (si erano ridotte del 2,4 per cento nel corrispondente semestre dell’anno precedente, portando l’incidenza rispetto al Pil al 42,3 per cento, a fronte di un valore del 43,3 per cento nello stesso periodo del 2009.