Istat: migliora a dicembre il saldo commerciale verso UE

15 Febbraio 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – Nel mese di dicembre 2009, rispetto allo stesso mese del 2008, i flussi commerciali da e verso l’area Ue hanno registrato aumenti pari all’1,4 per cento per le esportazioni ed al 9,1 per cento per le importazioni. Il saldo commerciale è stato negativo per 1.396 milioni di euro, mostrando un peggioramento rispetto a quello, pari a 350 milioni di euro, rilevato nello stesso mese del 2008. Nel confronto con novembre, a dicembre 2009 si registra, in termini destagionalizzati, un incremento del 3,3 per cento delle esportazioni e del 3 per cento delle importazioni. Negli ultimi tre mesi, rispetto ai tre mesi precedenti, i dati destagionalizzati mostrano una crescita dello 0,3 per cento per i flussi in uscita e del 3 per cento per quelli in entrata. Complessivamente, nel 2009 rispetto al 2008, le esportazioni sono diminuite del 22,5 per cento e le importazioni del 17,8 per cento. Nello stesso periodo il saldo è stato negativo per 1.791 milioni di euro, in forte peggioramento rispetto all’attivo di 9.942 milioni di euro registrato nel 2008. Considerando l’interscambio complessivo del mese di dicembre 2009, le esportazioni sono diminuite, rispetto allo stesso mese dell’anno precedente, dell’1,9 per cento e le importazioni del 3 per cento. Il saldo commerciale è risultato negativo per 123 milioni di euro, inferiore a quello, pari a 415 milioni di euro, dello stesso mese del 2008. Nel confronto con novembre, i dati destagionalizzati relativi all’interscambio complessivo presentano, a dicembre 2009, un incremento sia per le esportazioni sia per le importazioni, con tassi di crescita pari rispettivamente al 4,4 per cento ed all’1,6 per cento. Negli ultimi tre mesi, rispetto ai tre mesi precedenti, i dati destagionalizzati mostrano una flessione dello 0,2 per cento per le esportazioni e una crescita del 2,4 per cento per le importazioni. Nel 2009 le esportazioni complessive hanno segnato, rispetto al 2008, una diminuzione del 20,7 per cento e le importazioni del 22 per cento. Nello stesso periodo il saldo è stato negativo per 4.109 milioni di euro, con una netta riduzione del passivo di 11.478 milioni di euro rilevato nel 2008.