Israele avverte: entro 2-3 anni missili Iran potranno raggiungere gli Usa

24 Febbraio 2012, di Redazione Wall Street Italia

New York – Nel tentativo di lanciare un altro segnale di allerta al mondo occidentale, dei pericoli che si corrono nell’avere l’Iran in possesso del nucleare, Israele annuncia che entro i prossimi 2-3 anni Tehran potrebbe avere dei missili capaci di raggiungere la parte orientale degli Stati Uniti.

Al momento la distanza massima percorribile dai missili iraniani sarebbe di circa 2.400 km, non sufficiente dunque per colpire gli Usa, ma sicuramente il suo arci-nemico Israele, e alcune parti dell’Europa.

“Loro (gli iraniani) ci stanno lavorando e stanno investendo miliardi di dollari per sviluppare dei missili intercontinentali”, ha detto il ministro delle Finanze israeliano Yuval Steinitz. “Crediamo che nei prossimi due o tre anni, avranno il primo missile intercontinentale capace di raggiungere la costa orientale degli Stati Uniti. Il pericolo è direttamente associato a quello delle testate nucleari … verso l’Europa e gli Usa”.

L’intelligence israeliana continua a monitorare costantemente la situazione del programma nucleare di Tehran, e si pensa che sia dietro una serie di omicidi di scienziati nucleare iraniani.