Isola a due passi da New York venduta per 160 mila dollari

4 Ottobre 2011, di Redazione Wall Street Italia

New York – Si tratta di 2,5 ettari di terra rocciosa che e’ per lo piu’ sommersa, un posto sperduto in cui non arriva l’elettricita’ e che e’ famoso per le vittime di tifo (o almeno cosi’ vuole la leggenda) e per il nome infelice e sgraziato che porta: “Rat Island”, l’Isola dei Topi.

Per solo $160.000, riporta il New York Times, avrebbe potuto essere vostra: un piccolo spazio terriero a qualche chilometro dalla Grande Mela. Ma da ieri non e’ piu’ sul mercato.

L’isola e’ stata battuta all’asta ieri ed e’ ora di proprieta’ di un residente del Bronx, Alex Schibli, 71 anni, che racconta di poter fare il bagno li’ direttamente da casa sua.

“Mi sento come se fosse sempre appartenuta a me”, dice al New York Post. “E’ così bello qui. Quando si e’ la’ e’ difficile anche solo da credere di trovarsi a New York. E non ci sono nemmeno i ratti”!

Rat Island e’ stata messa in vendita nel 2009 per $300.000 dopo che il suo proprietario si e’ stancato di pagare le tasse.

Qualsiasi tipo di progetto di sviluppo si troverebbe ad affrontare una serie di ostacoli, ma Schibli sembra a tutti gli effetti avere compiuto il grande passo per amore, non per il denaro.

“C’e’ chi potrebbe costruire qualcosa sulla cima dell’isola, se mettesse le mani su di essa, ma credo che l’ambiente dovrebbe essere conservato così come e'”, dice il neo acquirente al New York Post.
[ARTICLEIMAGE]
Ma un cambiamento all’orizzonte c’e’: “Sinceramente non mi piace il nome. Forse la chiamero’ Malina Island, in onore della mia nipotina di 4 anni”.