ISM NON MANIFATTURIERO IN RIALZO A QUOTA 50.9

5 Ottobre 2009, di Redazione Wall Street Italia

Nel mese di settembre l’indice ISM dei servizi si e’ attestato a quota 50.9 punti, in rialzo rispetto al mese precedente, in cui fece registrare un valore di 48.4. Si tratta della prima espansione dell’anno per il settore, che rappresenta circa il 90% dell’economia.

Lo ha comunicato l’Institute for Supply Management. Il dato si e’ rivelato superiore alle attese degli economisti che si aspettavano un rialzo a 50 punti.

Ricordiamo che una lettura superiore ai 50 punti indica un’espansione dell’attivita’, una lettura inferiore indica contrazione.

Gli sforzi compiuti dalla Federal Reserve nel tentativo di sbloccare il credito e i programmi di incentivi come il “cash for clunkers” e gli aiuti fiscali per gli acquirenti della prima casa stanno rilanciando la domanda e probabilmente contribuiranno al ritorno alla crescita dell’economia statunitense nell’ultimo trimestre dell’anno.

Ciononostante, il rapporto della settimana scorsa del Dipartimento del Lavoro, che ha mostrato una fase di accelerazione dei tagli al personale, dovrebbe suggerire che i guadagni potrebbero anche non essere sostenibili una volta che i programmi di incentivi volgeranno al termine.

“E’ indubbio che le condizioni sono migliori di quelle dei mesi precedenti”, sottolinea Michael Moran, chief economist di Daiwa Securities America. Tuttavia se da un lato l’economia sta offrendo segnali di miglioramento, allo stesso tempo “l’inversione di tendenza prosegue con una certa lentezza ed e’ probabile che il recupero non avra’ energia a sufficienza”.