Iride, nel primo trim, scendono i ricavi, utile in forte crescita

14 Maggio 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – Il Consiglio di Amministrazione di Iride ha approvato in data odierna i risultati consolidati del primo trimestre del 2010. Lo si legge in una nota. Il Risultato Netto di Gruppo è pari a 53 milioni in forte crescita rispetto ai 16 milioni registrati nel 2009 che erano influenzati dal costo straordinario per il recupero degli aiuti di stato di 37 milioni di euro (di cui 7 milioni relativi alle imposte). Al netto di tale componente straordinaria registrata nel 2009 l’utile sarebbe stabile. I Ricavi del periodo scendono a 672 milioni, sono in calo del 9% rispetto ai 735 mn del primo trimestre del 2009, principalmente per effetto del calo dei prezzi di vendita connessi alla discesa dei prezzi dei prodotti petroliferi registrata nel 2009. Rispetto al primo trimestre del 2009, il Margine Operativo Lordo ha registrato una crescita del 5% ed ha raggiunto 136 milioni di euro, con una redditività sui ricavi del 20%. L’Indebitamento Finanziario Netto al 31/03/2010, pari a 1.500 milioni, è in crescita rispetto a quanto registrato a fine 2009 (1.419 milioni) per effetto degli investimenti del periodo, pari a 56 milioni di euro, e per effetto dell’andamento stagionale del capitale circolante. Alla luce dei risultati del trimestre e dell’evoluzione prevedibile della gestione, Iride prevede per l’esercizio in corso, su base stand alone, un consolidamento della crescita per effetto della progressiva contribuzione degli investimenti realizzati e utili in aumento anche per il venire meno degli oneri straordinari registrati nel 2009.